Serie A, l’Inter crolla a Napoli: 1-4. Pareggio a Torino fra Juventus e Atalanta

Serie A, l’Inter crolla a Napoli: 1-4. Pareggio a Torino fra Juventus e Atalanta

Finiscono le partite delle ore 20.30: lotta Champions sempre più intricata a soli 90′ dalla fine del campionato

di Redazione ITASportPress
Napoli

Ma quanta tensione ci sarà in campo domenica prossima per gli ultimi 90 minuti del campionato di Serie A? Anche questa sera, nelle partite Napoli-Inter e Juventus-Atalanta, non sono affatto mancati i colpi di scena: i nerazzurri, nonostante avessero ben più motivazioni rispetto ai partenopei, già sicuri del secondo posto, crollano al San Paolo 4-1 con i gol di Zielinski, Mertens e doppietta di Fabian Ruiz. Nel finale gol su rigore di Icardi. Finisce in pareggio, 1-1, all’Allianz Stadium: apre le marcature Ilicic per l’Atalanta nel secondo tempo, pareggia all’80’ Mandzukic. Era l’ultima di mister Allegri in casa sulla panchina della Juventus, era anche l’ultima di Andrea Barzagli, che ha lasciato il campo in lacrime.

La classifica recita:

3. Atalanta 66 punti
4. Inter 66
5. Milan 65

Sarà un ultima giornata inadatta ai deboli di cuore.

JUVENTUS-ATALANTA 1-1
Pronti via e Ronaldo da ottima posizione fallisce un gol non da li. Al sesto minuto iniziano i cori per Allegri, che riceve l’ovazione da tutto lo stadio. L’Atalanta però ha più motivazioni e si vede, dal gioco e dalle occasioni create: all’8′ Szczesny miracoloso e Hateboer spara alto da pochi passi, al 28′ Zapata fa ciò che vuole in area avversaria e in diagonale mette a lato di nulla. Il gol è nell’area e lo trova Ilicic al 33′: in mischia lo sloveno insacca da pochi passi, è il centesimo centro stagionale per la Dea. Anche nella ripresa l’Atalanta sembra averne di più, ma la Juventus non vuole chiudere il percorso in casa, nel giorno della festa, con una sconfitta, e allora ci pensa Mandzukic a pareggiare i conti al minuto 80′. Il croato aveva preso il posto al 60′ di Barzagli, acclamato da tutto lo Stadium, abbracciato dai suoi tifosi per l’ultima in casa della sua carriera da calciatore. Nel recupero rosso diretto per Bernardeschi.

NAPOLI-INTER 4-1
Ancelotti lo aveva detto: nonostante la sicurezza del secondo posto, obiettivo 82 punti in classifica. E la partenza è tutta azzurra: al 16′ destro straordinario da fuori area di Zielinski, palla sotto l’incrocio e 1-0 per la formazione di casa. L’Inter reagisce con Lautaro, bravo però Karnezis ad opporsi con i piedi; nella ripresa Mertens mette dentro di testa il raddoppio su cross dalla destra, poco dopo Koulibaly è miracoloso a salvare sulla linea sul tiro di pregevole fattura da parte del solito Lautaro Martinez, decisamente il più pericoloso dei suoi. Al 71′ chiude il match il Napoli: altra ottima azione degli azzurri, la palla arriva al centro dell’area a Fabian Ruiz che insacca a porta sguarnita. Lautaro colpisce una traversa al 74′, poi addirittura poker dei partenopei con un bel mancino di Fabian Ruiz. Nel finale c’è spazio per il rigore di Mauro Icardi che rende meno amara la sconfitta. Ma adesso per l’Inter la Champions League è molto, molto a rischio.

 

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy