Serie A, pareggio clamoroso all’Olimpico: la Lazio recupera tre gol all’Atalanta, finisce 3-3

Serie A, pareggio clamoroso all’Olimpico: la Lazio recupera tre gol all’Atalanta, finisce 3-3

Una meravigliosa partita ha aperto l’ottavo turno di A: Immobile sigla il pari al 92′

di Redazione ITASportPress

Una partita clamorosa ha aperto l’ottava giornata di Serie A: l’Atalanta domina per oltre un’ora, annichilisce la Lazio senza se e senza ma, andando addirittura sul triplo vantaggio. Eppure, un guizzo di Immobile riapre tutto: calcio di rigore, primo gol dei biancocelesti, che poi partono all’assalto e segnano subito con Correa e nel recupero ancora con il bomber, sempre dal dischetto, che sale a 9 gol in campionato. Finisce 3-3, incredibile all’Olimpico. Era ormai tutto nelle mani della Dea, ma il calcio è strano e anche oggi ci ha regalato qualcosa di indescrivibile.

PRIMO TEMPO – Sontuoso primo tempo da parte dell’Atalanta, che non lascia respirare una Lazio davvero sotto ritmo e priva di iniziative. Tutto merito di una Dea pressante, come sempre, che con la tecnica dei suoi giocatori arriva sempre al tiro. Al 12′ Strakosha dice no a Pasalic, al 23′ il vantaggio firmato Muriel: tacco perfetto di Pasalic, filtrante per il colombiano che controlla e infila il portiere avversario per lo 0-1. Lo stesso attaccante da fuori mette a lato di poco, e al 28′ firma il raddoppio su punizione: conclusione lenta e precisa, Masiello è sulla traiettoria ma non sembra toccare e il pallone s’insacca alle spalle di Strakosha. Il pubblico di casa rumoreggia, Lazio inesistente. Lo 0-3 è solo questione di minuti: altro filtrante prezioso per il Papu Gomez, in diagonale non sbaglia. Uno dei migliori primi tempi della gestione Gasperini.

SECONDO TEMPO – Inzaghi inserisce da subito Cataldi e Patric per Parolo e Marusic, il copione però non cambia, nel senso che i biancocelesti faticano a creare opportunità da gol. L’Atalanta si smorza, preferisce recuperare un po’ di energie, avendo il match in pungo. Ad un tratto, però, cambia tutto: guizzo di Immobile 68′, pestone di Palomino nella propria area e calcio di rigore solare che l’attaccante della Nazionale trasforma per l’1-3. Nemmeno il tempo di esultare che la Lazio, incredibilmente, segna il raddoppio con Correa: l’argentino vola via sulla destra, mancino pregiato sotto l’incrocio e Olimpico che torna a crederci davvero. Dal nulla, all’improvviso. Assedio nel finale, Gollini è strepitoso prima su Correa e poi su Caicedo, entrato per Radu. Strakosha nega il poker su Gomez, quando tutto sembra finito altro spunto di Immobile e altro rigore per intervento falloso di De Roon: dal dischetto il bomber non sbaglia, al 92′ è 3-3.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy