Spezia, orgoglio Meluso: “Ci davano già retrocessi e invece…”

“Il nostro segreto? Italiano ha dato un’identità alla squadra”

di Redazione ITASportPress

Mauro Meluso, ds dello Spezia, è intervenuto ai microfoni di Radio 1 nel corso della trasmissione Radio Anch’Io Sport, per parlare del momento della squadra neopromossa, reduce dalla vittoria contro il Benevento per 3-0, e delle vicende sportive e non del club.

Meluso: “Italiano ha dato grande identità alla squadra. Vogliamo giocare a casa nostra”

Spezia
Spezia (Getty Images)

“Il nostro segreto? Diciamo che non è un segreto. Ma si tratta di un’unità di squadra e soprattutto della nostra identità. Ho trovato un allenatore che riesce a dare un’identità precisa alla squadra in grado di lavorare con serenità nonostante tutto. Siamo riusciti a fare dei risultati che molti non pensavano potessero avvenire. Qualcuno ci dava già retrocesso, ma noi stiamo dicendo la nostra. Stiamo cercando di vincere il nostro scudetto che è la salvezza”, ha detto Meluso.

“Lo stadio? Abbiamo una proprietà che da anni ha investito e che ultimamente sta facendo molto bene con risultati oltre che sportivi anche economici. Anche prima di me. Il bilancio positivo dello scorso anno è una cosa molto importante. Sulla scia di questa impronta anche quest’anno abbiamo provato a mettere un budget per la salvezza e senza minare alla vita economica e finanziaria della società. In tal senso siamo tornati ad impiegare qualcosa sullo stadio per giocare davvero a casa nostra dato che ora stiamo giocando a Cesena”.

“Se abbiamo un modello di riferimento? Il nostro modello è la sostenibilità. Ogni società e impresa calcistica ha le sue dinamiche. Cerchiamo di fare un modello di calcio nostro cercando di non appesantire lo Spezia Calcio che ha una proprietà alle spalle. Cerchiamo di trovare una via di mezzo tra tutto con la speranza che possa andare tutto bene dal punto di vista calcistico. Ma i problemi di livello economico-finanziario è un problema importante non solo di Covid ma anche di una mancanta lungimiranza”.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy