ITA Sport Press
I migliori video scelti dal nostro canale

gazzanet

Tacconi: “Juventus, Pirlo è stato un azzardo. Sarri cacciato perché napoletano dentro”

Pirlo, getty images

Le parole dell'ex portiere bianconero

Redazione ITASportPress

Si avvicina la sfida più contestata e attesa della stagione. Juventus-Napoli non vale lo scudetto, ma un posto in Champions. Inoltre, per la prima volta, un match dell'andata si giocherà dopo la sfida del ritorno. Tutta colpa dei casi di Coronavirus che nello scorso autunno si verificarono in casa partenopea, con conseguente mancato incontro. Dal 3-0 a tavolino per i bianconeri si è passati alla decisione di giocare la gara. E ora il campo dirà chi può sognare legittimamente la Champions League.

 (Getty Images)

BORDATE

L'ex portiere della Juventus Stefano Tacconi ha inquadrato il match fissato per le 18.45. Queste le sue parole a Radio Kiss Kiss: "Gattuso ha le sue idee e la sua personalità, anche lui non ha avuto il supporto della società. Rino però ha un carattere forte e capace di affrontare le turbolenze, non come Pirlo. Al Napoli confermerei subito Gattuso, il problema è che non credo De Laurentiis voglia farlo. Per quanto riguarda Pirlo, non doveva accettare la panchina della Juve. Si è rivelato un azzardo. La squadra non si è fidata di lui. Pirlo doveva allenare solo l’Under 23, doveva fare esperienza, e poi la Juve non gli sta dando una mano. Quando la Juventus ha scelto Pirlo, la squadra era già fatta e gli acquisti erano già ultimati. Pirlo è stato scelto a causa del mercato particolare. Il calcio senza pubblico è diverso. La Juventus oggi giocherà con tanta paura: le voci su Allegri e l’incontro con Agnelli hanno scaturito una situazione dalla quale la squadra dovrà uscire da squadra, nel senso stretto del termine. L'addio di Sarri? E' napoletano dentro per questo è stato mandato via dalla Juve".

 Juventus-Napoli (getty images)

Potresti esserti perso