EMOZIONI

Tomori: “La chiamata del Milan uno shock. Con i consigli di Maldini posso migliorare”

Tomori (getty images)

Parla il difensore rossonero

Redazione ITASportPress

Intervistato dal Champions Journal, il magazine ufficiale della Champions League, il difensore del Milan Fikayo Tomori ha parlato della propria carriera sottolineando anche le sue grandi emozioni una volta firmato il contratto col club rossonero.

AL MILAN - "Ho sempre voluto provare qualcosa in un altro Paese: dalla cultura ai diversi tipi di calcio. Quando il Milan mi ha chiamato per me è stato uno shock", ha ammesso Tomori. "Ho pensato ''Un colosso europeo chiede proprio di me'. Ed è stato decisivo per prendere questa scelta". E ancora: "Quando ho firmato e avevo per la prima volta una borsa con sopra l'insegna del Milan, ho pensato: 'Wow, sono qui. È tutto vero'. Mio padre guardava il calcio negli anni '80 e '90, quando il Milan vinceva le Champions League ed era la migliore squadra del mondo. Per lui è pazzesco. Sono davvero, davvero felice e grato di essere qui. Se dovessi ritirarmi oggi o se dovesse succedermi qualcosa, Dio non voglia, potrei dire: 'Sì, ho giocato per il Chelsea, per il Milan e sono riuscito a vestire la maglia dell'Inghilterra'. Pensarci è da pazzi".

CRESCITA - Nel Milan ha trovato in dirigenza un ex storico difensore come Maldini utile anche in chiave di una crescita personale: "Ho parlato con Paolo e mi ha detto come pensa che io possa migliorare il mio gioco in termini di posizionamento e di possesso. Avere questo tipo di persone da cui imparare e da cui prendere consigli è qualcosa che non puoi comprare. Ed in più, sapere che mi stanno guardando è sicuramente una motivazione per me".

 Tomori (getty images)
tutte le notizie di