Serie A

Trentalange sul VAR: “Serve ancora del tempo. E’ uno strumento molto giovane”

(Getty Images)

Alfredo Trentalange, presidente dell'AIA, ha parlato degli ultimi episodi arbitrali della giornata di Serie A appena disputata e del VAR.

Redazione ITASportPress

Il presidente dell’Associazione Italiana Arbitri, Alfredo Trentalange, ha parlato del VAR e di alcuni episodi dell’ultima giornata di Serie A, ai microfoni di Gr Parlamento.

VAR  Sullo strumento tecnologico: “Il continuo cambio delle regole non aiuta nessuno. L’arbitro non ha piacere ad avere tanti spazi interpretativi. La VAR aiuta e di questo tutti ne sono contenti e consapevoli. E’ uno strumento però ancora molto giovane e ha bisogno di tempo per la messa a punto. Siamo stati i primi ad introdurre la Goal Line Technology e la VAR. Siamo aperti a queste situazioni”.

EPISODI – Sugli episodi della diciottesima giornata di Serie A: "Su questi episodi ci sono sempre margini di discussione. La regola del fuorigioco dice chiaramente che se un giocatore impatta sulla possibilità dell’avversario di giocare il pallone, non è regolare. Nel caso di Palomino c’è un contatto e si fa fatica a dire non sia in posizione di fuorigioco. Poi la modalità nell’annullamento del gol, poteva essere fatta in modo diverso. L’arbitro doveva rivedere il tutto e poi decidere. Sulla partita tra Milan e Napoli invece bisogna vedere se il calciatore in fuorigioco ha in qualche modo impattato sull’avversario. Da quello che ho visto si. A volte bisogna spiegare le decisioni con una analisi non sempre condivisa da tutti. Questo è ciò che rende bello, lo sport”.

 (Getty Images)
tutte le notizie di