Coronavirus, Pillon dice addio al Cosenza: “Voglio stare vicino alla mia famiglia…”

Coronavirus, Pillon dice addio al Cosenza: “Voglio stare vicino alla mia famiglia…”

“Ingestibile la distanza Treviso-Cosenza data la situazione attuale”

di Redazione ITASportPress

Situazione particolare ma comprensibile in casa Cosenza, dove l’emergenza coronavirus ha portato alla rescissione consensuale tra club e tecnico. Giusppe Pillon ha deciso di lasciare la società per stare vicino alla propria famiglia e prendersi cura della salute sua e dei suoi cari.

Lo hanno annunciato nelle scorse ore le parti attraverso un comunicato stampa in cui è chiara la volontà dell’allenatore di affrontare con i familiari il momento di difficoltà dell’Italia per via del Covid-19.

FAMIGLIA – “Dopo un’attenta riflessione e un confronto diretto con la Società Cosenza Calcio, in maniera consensuale, abbiamo deciso di interrompere il nostro rapporto di lavoro. In questo periodo di difficoltà per l’Italia, il mio pensiero e la mia preoccupazione è rivolta alla salute mia, della mia famiglia ma anche a quella di tutti gli italiani. Questo ovviamente ha portato a fare delle scelte, non dettate dalla mia passione per il calcio o dalla mia dedizione al lavoro, ma guidate dal buon senso e dalle problematiche che stiamo affrontando qui in Veneto. Risulterebbe, inoltre, ingestibile la distanza Treviso-Cosenza data la situazione attuale che l’Italia sta attraversando”.  E ancora: “Ringrazio la Società, lo staff, i giocatori e tutte quelle persone che collaborano con il Cosenza Calcio per la disponibilità nei miei confronti. Auguro a loro e a tutti i tifosi del Cosenza le migliori fortune”. Queste le parole di Pillon affidate al sito ufficiale del Cosenza che ha dunque comunicato la risoluzione consensuale del contratto con l’allenatore della prima squadra.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy