Cremonese, Agazzi rescinde: “Salute dei calciatori non garantita”

L’ex portiere del Cagliari ha risolto il contratto con il club grigiorosso.

di Redazione ITASportPress

La crisi sanitaria ed economica provocata dalla pandemia di Covid-19 ha cambiato profondamente lo sport. Il calcio ne uscirà sicuramente ridimensionato dal punto di vista economico nonostante i tentativi di far riprendere i campionati. Le federazioni calcistiche europee come Bundes e Premier hanno stilato dei protocolli sicuramente molto rigidi affinché il rischio di contagio tra i calciatori sia quantomeno vicino allo zero. Anche l’Italia prova ad adeguarsi con un regolamento molto simile che prevede inoltre un lungo periodo di ritiro per le società.

Agazzi dice basta

Agazzi (Getty Images)

Quest’ultima regola però non ha lasciato tranquillo il portiere della Cremonese Andrea Agazzi che, inaspettatamente, ha deciso di rescindere con il club: “La mia è una decisione sofferta ma ponderata. Mi sono reso conto che nella situazione causata dal contagio da Covid-19 il mio amato calcio è passato in secondo piano. Credo che le società di calcio, pur facendo il massimo sforzo per consentire ai propri calciatori di lavorare in sicurezza, non riescano a garantire al 100 per cento la tutela della loro salute. E questo mi spaventa! Vedo inoltre che all’orizzonte starebbe per profilarsi un lungo periodo di ritiro, al quale risponderei: “No”. Negli ultimi anni, pensando al futuro, ho cercato di mettere in cima alle mie priorità la mia famiglia! Di conseguenza le mie scelte sono state e sono funzionali ad essa. Congruo con me stesso e i miei principi ecco la volontà di interrompere il rapporto di lavoro in ragione del fatto che nutro profondo rispetto nei confronti di chi mi ha onorato come persona e atleta”.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy