Delusione Trapani, Collegio di Garanzia del Coni boccia il ricorso e granata in C

Fumata bianca tanto attesa al Coni con ben tre squadre in ansia

di Redazione ITASportPress

Dibattimento lungo al Coni ma alla fine è arrivata la tanto attesa sentenza in merito al ricorso presentato dal Trapani contro la penalizzazione di due punti per il ritardato pagamento degli stipendi di febbraio. Il Collegio di Garanzia ha respinto il ricorso del club granata che dunque retrocede in Serie C. Ricorso bocciato, conferma del playout tra Pescara e Perugia.

Il responso in forma integrale pubblicato sul sito del Coni

La Prima Sezione del Collegio di Garanzia, presieduta dal prof. Vito Branca, all’esito dell’udienza tenutasi in data odierna preordinata alla discussione ed alla disamina del ricorso Trapani Calcio contro FIGC avverso decisione CFA FIGC, preordinata alla discussione ed alla disamina del ricorso , ha assunto le seguenti determinazioni:

ha dichiarato inammissibile l’intervento della società Delfino Pescara 1936 S.p.A.;

ha dichiarato inammissibile la costituzione della società Cosenza Calcio S.r.l..;

ha respinto il ricorso della società Trapani Calcio S.r.l. per quanto espresso in parte motiva, confermando la decisione della Corte Federale d’Appello della FIGC n. 88/2019-2020.

Per l’effetto, ha condannato  la società Trapani Calcio s.r.l. alla refusione delle spese di lite, liquidate in € 5.000,00, oltre accessori di legge, a favore della FIGC, compensate per la metà.

Nulla per le spese nei confronti delle altre parti.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy