ITA Sport Press
I migliori video scelti dal nostro canale

SERIE B

SPAL, Rossi: “Con Tacopina un bel matrimonio. Qui per dare mano alla squadra”

SPAL, Rossi: “Con Tacopina un bel matrimonio. Qui per dare mano alla squadra”

Il calciatore della SPAL si è presentato ai suoi tifosi promettendo il massimo impegno per la squadra

Redazione ITASportPress

Si è svolta oggi a Ferrara la presentazione a stampa e tifosi del nuovo calciatore della SPAL Giuseppe Rossi. A presentarlo è stato il presidente del club estense Joe Tacopina. “Seguivo Giuseppe dai tempi del Parma ma poi anche nelle altre squadre dove ha giocato. Siamo due italoamericani e questo mi suscita un’emozione particolare. Rossi è uno dei calciatori più talentuosi e sono rimasto colpito dalle sue doti umane e la sua genuinità. Non è operazione di immagine, ma è arrivato alla Spal per giocare e darci una mano". 

TACOPINA SUL CAMPIONATO - Il presidente biancoazzurro ha parlato anche del momento della squadra che si trova nei bassifondi della classifica: "Siamo consapevoli delle difficoltà della stagione ma ricordiamoci che i nostri ragazzi sono arrivati dopo il 30 agosto ed è normale che ci siano alti e bassi perchè serve l'amalgama. Non siamo spaventati e la squadra forgerà la propria identità anche attraverso le difficoltà. A me interessa vedere dove sarà la SPAL a fine stagione e siamo tranquilli e continuiamo a lavorare".

GIUSEPPE ROSSI -  Le parole di Rossi in conferenza stampa: “Ringrazio il presidente per le sue parole, ci conosciamo da anni e lui è una persona speciale ed ha capito bene chi sono io. E’ stato un bel matrimonio con Joe e con la Spal e sono sicuro di aver fatto la scelta giusta. Ho scelto il 49 perchè è l'anno di nascita di mio padre. Ferrara è una bellissima città dove si mangia molto bene ma io sono a dieta. La gente è molto accogliente e i tifosi sono molto passionali. Devo dimostrare di essere pronto per questa nuova sfida e mi sto allenando molto bene per arrivare a un buon livello di condizione fisica visto che sono stato fermo da un anno.  Con Clotet c’è un bel feeling e sono qui per dare una mano alla squadra. Mi interessa essere in campo e non penso alla collocazione tattica, sarà compito di Clotet, a me va bene tutto. Attaccanti azzurri? La cosa più importante in Nazionale è vincere e l'abbiamo fatto sei mesi fa e sono certo che anche a marzo vinceremo lo spareggio per il Qatar".

tutte le notizie di