Venezia, il presidente Tacopina: “Regole non rispettate, non mi sento ancora in Serie C”

Il numero uno dei lagunari ha parlato dopo il playout di Serie B perso ai rigori

di Redazione ITASportPress
tacopina

Al termine del ritorno del playout fra Venezia e Salernitana, che ha visto i lagunari affondare in Serie C dopo i calci di rigore, ha parlato in conferenza stampa il presidente degli arancioneroverdi Joe Tacopina, esausto ma pur sempre combattivo: “Non è facile parlare, sto vivendo sentimenti contrastanti, sono molto arrabbiato e disgustato per quello sta succedendo. Un mese fa abbiamo ricevuto la lettera di Balata che diceva che il Venezia era salvo. Sono 10 anni vivo calcio italiano, amo questo paese e questo sport, però è chiaro che per motivi come queste ci sono persone disgustate, anche i miei investitori. Metti delle regole e non vengono rispettate”.

E ancora: “La squadra ha giocato alla grande, ma il punto è che non avremmo dovuto giocare. Il futuro? Sono qua da 4 anni, ho speso tanto in questo progetto, sono profondamente disgustato dalla Serie B, ma sono qui. Non abbiamo smesso di lottare, non mi considero ancora in Serie C l’anno prossimo – ha continuato il presidente americano -. Aspettiamo ancora tante decisioni. Ci sarà anche un’assemblea di Lega, vediamo cosa succederà al suo interno. Bisogna anche capire cosa succederà il 24 giugno quando ci saranno le iscrizioni”.

3 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. liviober_8954238 - 1 anno fa

    quando a stagione in Corso ingaggi uno dei piu’ scarsi allenetori mai visti in Italia, this is your bill, President!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. rosanero0_14281214 - 1 anno fa

    le regole sono state rispettate,il campo ha detto cosi.
    vai in c e restaci.avvoltoio.forza palermo.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. fabiode200_3420839 - 1 anno fa

      Infatti il palermo è una squadra di mafiosi e ladri come il vostro ex presidente Zamparini, terroni rovina dell’italia.

      Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy