Problemi tra Cristiano Ronaldo e Sarri: il minutaggio, il gioco e non solo

Problemi tra Cristiano Ronaldo e Sarri: il minutaggio, il gioco e non solo

Il fuoriclasse portoghese in rottura col tecnico ex Napoli e Chelsea

di Redazione ITASportPress

Cristiano Ronaldo e l’allenatore della Juventus Maurizio Sarri potrebbero essere giunti ad una totale incrinatura del loro rapporto. Le cause di un amore mai sbocciato tra i due sono numerose, e oltre alla questione minutaggio e a quella del gioco, adesso se ne aggiunge una nuova, in seguito alla quale il campione portoghese sembra che abbia espresso tutto il proprio disappunto.

MINUTAGGIO SENZA LIMITI

Sarri Juventus
Sarri (getty images)

Cristiano Ronaldo è da sempre abituato ad autogestire i propri limiti. Questo fatto spesso lo porta ad affrontare diverse gare accumulando un vero e proprio minutaggio senza limiti, costringendo talvolta il proprio allenatore a tenerlo in panchina almeno per un turno, in modo che possa rifiatare e tornare più lucido di prima. Questa sarebbe stata l’intenzione di Maurizio Sarri in vista delle prossime gare, ma qualcosa è andato storto: il campione portoghese infatti avrebbe espresso il proprio disappunto davanti alla prospettiva di non giocare dal primo minuto le ultime gare stagionali, il che avrebbe obbligato il tecnico a tornare sui propri passi, lasciando anche in questo caso a Ronaldo il compito di autogestirsi fisicamente.

GIOCO LATITANTE

Cristiano Ronaldo
Cristiano Ronaldo (getty images)

Il gioco della Juventus è latitante ormai da diverse giornate di campionato. Anche contro il Lecce durante la prima mezz’ora i bianconeri hanno faticato parecchio ad imporsi sulla squadra salentina, rischiando almeno in un paio di occasioni di andare in svantaggio. A lungo andare la superiorità numerica (data dall’espulsione di Lucioni) e la superiorità tecnica hanno fatto la differenza, ma questo non ha risolto i problemi per Sarri. Tra i giocatori che maggiormente risentono della scarsa qualità di gioco è Cristiano Ronaldo, che più volte avrebbe lamentato il fatto di non poter fare tutto da solo, come anche denunciato dalla sorella in un post su Instagram. Adesso toccherà a Sarri gestire il malcontento del portoghese, che però non si ferma esclusivamente al minutaggio e al gioco in sé, ma anche ad un’altra questione non di poco conto.

IL CENTRAVANTI

Higuain Cristiano Ronaldo

Cristiano Ronaldo per rendere al meglio in attacco ha bisogno di un centravanti di riferimento che gli liberi gli spazi, allo stesso modo di Benzema durante la sua carriera al Real Madrid. Fino a questo momento l’unico centravanti di ruolo che ha in rosa la Juventus è Gonzalo Higuaìn, che però ha avuto dei guai fisici che l’hanno costretto a stare fuori dal campo dal primo minuto. Durante questo infortunio Paulo Dybala si è imposto sempre di più nella parte centrale del campo, trovando anche una buona continuità di rendimento. Sarà difficile adesso spostare l’ex Palermo nuovamente in panchina o sulla fascia, ma sarà altrettanto difficile per Sarri non accontentare il desiderio del portoghese di giocare affianco un centravanti di ruolo. I problemi tra Cristiano Ronaldo e Maurizio Sarri non sono pochi e non sono facilmente risolvibili: adesso tocca alla dirigenza bianconera cercare di mediare una situazione che potrebbe diventare sempre più complicata.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy