ITA Sport Press
I migliori video scelti dal nostro canale

La corsa

Catania, SIGI per vincere la partita dovrai fare prima di Tacopina

Catania Ferrau e Nicolosi

Dopo l'esito del tribunale di Catania per la SIGI scatta la corsa contro il tempo

Redazione ITASportPress

Il Tribunale di Catania ha nominato tre consulenti di spessore per valutare il club, i suoi debiti ed i suoi crediti. Lo faranno in trenta giorni e dovranno farlo con una perizia giurata. Il 21 dicembre, poi, il Tribunale deciderà salvo che nel frattempo non sia arrivata la cessione del sodalizio di via Magenta. In poco meno di trenta giorni, con i week end di mezzo, una festività ed il Natale alle porte, la SIGI dovrebbe riuscire a trovare, convincere e "cedere" il club. Se volessimo fare un paragone temporale, Tacopina ci ha impiegato sei mesi per studiare e bocciare e tre mesi, invece, per acquisire la SPAL. Dunque per la SIGI una vera corsa contro il tempo per vincere la partita della vita. 

Nel frattempo, però, il calcio corre veloce e se il 16 dicembre non si pagheranno gli stipendi del mese di ottobre ai tesserati con contratti ratificati in Lega, l'udienza del 21 dicembre sarà inutile. Il Catania sarebbe di fatto sportivamente "morto" ed il giudice dovrebbe solo "celebrarne" il funerale.

Una partita tripla, con la squadra che dovrà affrontare il proprio cammino sportivo tappandosi orecchie, naso e bocca; con la Governance, un pò litigiosa, che dovrà chiedere ai soci un ulteriore sforzo economico senza sapere se vi sarà continuità aziendale ed il Tribunale, con i suoi consulenti, che dovrà tirare la linea in fondo alla sommatoria per partorire il "topolino" dalla "montagna" di debiti. Un logorio a cui sono sottoposti i tifosi etnei che hanno dimostrato una maturità da Champions League o da Europa League (quella che sfiorarono nel momento migliore) con Rolando Maran in panchina.

 Ferrau Tacopina
tutte le notizie di