Casemiro: “Il calcio può far ritrovare normalità alla gente”

Casemiro: “Il calcio può far ritrovare normalità alla gente”

Il centrocampista del Real Madrid ha parlato della ripresa degli allenamenti e la possibile ripartenza del campionato spagnolo

di Redazione ITASportPress
Casemiro

La Liga pensa alla ripartenza. Il massimo campionato spagnolo prova a tornare in campo per concludere la stagione. Lo fa per il calcio, lo fa per l’economia delle squadre e lo fa anche per la gente, per tutte quelle persone che hanno bisogno di tornare alla normalità. Lo ha ribadito anche Casemiro, centrocampista del Real Madrid, alla tv ufficiale del club blancos. “Mostrare alle persone che tornare alla normalità è possibile è qualcosa di importante, non solo per il mondo del pallone ma per tutto. Ritornare a giocare sarebbe un passo signficativo”.

Da casa al campo: parla Casemiro

Casemiro Instagram
Casemiro Instagram Real Madrid

“È un passo davvero significativo, non solo per il calcio ma anche per la società, mostrare alla gente che è possibile”, ha spiegato Casemiro. “Non si tratta solo di giocare a calcio, si tratta di persone che escono di casa. Penso che se rispettiamo le misure di sicurezza tutti noi saremo in grado di ripartire. Calcio compreso”. Il ritorno in campo al centro sportivo si è rivelato positivo con i calciatori che hanno mantenuto un livello accettabile di condizione grazie al lavoro da casa: “Lavorare in casa nostra è stato importante. Tutti noi abbiamo fatto le cose che il club e lo staff tecnico ci hanno trasmesso. I ragazzi stanno lavorando bene. Il livello fisico è stato mantenuto e lo si può vedere dal campo”. Anche Sergio Ramos aveva detto qualcosa di molto simile in merito alle sue condizioni di recente.

Emergenza coronavirus

Le società di calcio e i calciatori sono stati protagonisti di gesti di solidarietà per le persone maggiormente colpite dalla pandemia. Per Casemiro è stata una cosa normale: “Ho cercato di aiutare le persone il più possibile a causa del momento difficile che stiamo attraversando tutti quanti. Non solo io, gli altri giocatori e anche il club, questa è la cosa più importante. È anche importante mettere i sorrisi sui volti delle persone in tempi difficili come questi e il calcio può dare una mano. Se possiamo perché non farlo”.

 

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy